giovedì 28 maggio 2015

Paese che vai, donna che trovi!



Accompagnatemi attraverso questo viaggio virtuale alla scoperta dei vari ideali femminili - sulla base di osservazioni raccolte in oltre 15 anni di vita all'estero. Un excursus ad altissssimo contenuto di estrogeni. 

Paese per Paese, con riferimenti ai luoghi in cui ho ho vissuto: Germania, Francia. E Italia of course! 

Sull'Inghilterra non mi azzardo troppo per due motivi:
1- ci ho vissuto un anno scarso e "solo" a Londra (too international)
2- le donne conosciute erano in tailleur nero di giorno e sottanina di pizzo la sera. 
(Ed erano talmente trasfigurate dall'alcol che mi è risultato difficile analizzarle).

donna British appena uscita dal pub - ops, manca il cartellino con su scritto l'indirizzo


Ma partiamo dal nostro inimitabile e soleggiato Belpaese.
Niente da fare, come ben sapete dalle nostre parti la donna ideale è squisitamente mediterranea, non tanto nei colori (si spazia dal nero pece al biondo burro) quanto nella sinuosità del profilo.  

Non mi guardate così, non posso cambiare le cose IO, osservo e BASTA IO.
davanzali sempre ben in vista, mi raccomando. Per chi non l'avesse riconosciuta, è la Cucinotta

La donna apprezzata sia dalle donne - che guardano molto le altre donne, dài - che dagli uomini di casa nostra ha da avere le curve al posto giusto. Non necessariamente esagerate, ma "hanno da esserci". 

Si tratterebbe quindi di un incrocio morfologicamente perfetto tra Sabrina Ferilli, Sofia Loren e Lara Croft. Per la par condicio aggiungo anche una bionda - ma sempre procacetta - come Ilary Blasi - v. sopra.

Allora, il concetto è chiaro - curve ovunque (labbra, seno, fianchi, latoB) ma fisico relativamente snello.  
Ecco dove si annida il problema: formosa ma snella, come dire una torta Sacher al bifido attivo. 


ecco l'esemplare tipo... senza mostrare necessariamente la mercanzia in questo modo, suvvia.
È Sabrinotta nostra, al secolo la Ferilli
 
eccola: la donna formosa & snella E' LEI.
It's easy, isn't it?

E l'italiana comune - ergo noi mortali? 
eccola qua: italiana comune truccata, curata, raffinato-agghindata con sorriso sturbans e sguardo PENSANTE.

Appunto: l'italiana che si incrocia per strada a qualsiasi ora del giorno è così! Curata e ben vestita, trendy, magari un filino tirata - della serie ci ho impiegato solo 2 ore per decidere cosa mettere. E affascinante. Perché affascinante? Perché parla, comunica, sorride. E chi vive all'estero sa che il sorriso ha un'aura e un potere del tutto particolari - della serie perdi subito 3 kg. Ma così di colpo eh.

Passiamo ora alla Germania. Attenzione, Qui la faccenda si fa schizoide! Nel Paese delle patate troverete un tipo di donna ideale equivalente alla stragnocca algida stile Heidi Klum (bionda, alta, perfetta, prototipo perfetto della Barbie 2.0) e che rappresenta - esagero - il 2,99% della popolazione. 

Attenzione! Considerando che la Germania conta 80 milioni di abitanti, direi che non è trascurabile come percentuale - quindi occhio fanciulli.
Barbie 2.0, ovvero la crucca gnocca che avrete il 7% di chance di incrociare per strada - se non è stata ancora ingaggiata da qualche agenzia di TOP models.

Passiamo ora alle dolenti note. Eh già. Accanto alla strafiga di cui sopra troviamo infatti la tedesca comune che, invece, somiglia in modo inquietante a Leonardo di Caprio o Matt Damon in versione preadolescente (capello biondo-grigio cortissimo, occhio azzurro smacchiato e camiciona da boscaiolo). 

Insomma: difficile riconoscere l'appartenenza al genere se vista da DIETRO. 
tedesca tipo. Ora che ci penso bene Leo ha la mamma tedesca - i conti tornano!

E ora veniamo alla Francia.
Tenetevi forte perché qui la faccenda si complica da un punto di vista PSICHIATRICO.

Andiamo per gradi...

La donna ideale, quella rappresentata nelle riviste e vezzeggiata dai media, è un essere filiforme, acqua e sapone o quasi, raffinata, eterea, sfuggente. E con una silhouette da undicenne. Un personaggio incarnato alla perfezione dalla modella e stilista Inès de la Fressange. 
molto sorridente - raro per una francese, e mi sta simpatica anche per questo - capperi. Ma quasi sempre in Converse e giubbotto di pelle, della serie "teenager con rughe"

Non attraente ma affascinante, di classe insomma. Ma vagamente - iniziamo ad addentrarci nel nocciolo del problema - Lolità. Andate a dare un'occhiata al sito della Inès e capirete meglio - camicettine dalle sfumature rosa confetto, decorazione a base di paperelle e altri articoli di puericultura, costumini a un solo pezzo e altri oggetti rigorosamente under 12.


Dà da pensare. Molto.



E la donna francese comune?

Qui emerge un serio problema psicologico, almeno questo è quanto ho riscontrato in 11 anni di osservazione di mamme/conoscenti/vicine/professioniste/commercianti/passanti.

La donna francese ha un rapporto conflittuale con la propria età anagrafica. Non vuole invecchiare - anche se nell'anima è già vecchia a 10 anni, colpa del terribile sistema scolastico - e farebbe carte false per SEMBRARE una bambina. 

Ah direte voi, allora le italiane con i lifting, le cremine e le varie pozioni magiche? No, qui la cosa si fa più sottile e preoccupante: le francesi over 30 vogliono fortissimamente somigliare a delle adolescenti, vestono come delle adolescenti e fanno sacrifici sovrumani per conservare una silhouette da adolescente.
ecco come sogna di essere la francese media over 30: capello lungo spettinato/angelico & fisico acerbo attizzapedofilo. Manca l'occhialone da sole alla Paris Hilton e siamo a posto.
ed ecco come appare la francese media over 30: molto carina, molto magra, molto imbronciata


E gli uomini che ne pensano? 
Non saprei, ma ricordo ancora molto bene una trasmissione che andò in onda nel 2008. Si intitolava "La plus belle femme du monde" e indovinate chi era al primo posto? Avete capito bene - l'italiana più amata dai francesi, BigMonica
Insomma: altro che lolità anoressiche, vincono le forme italogalattiche! 

Monica è dei nostri: un po' di pastasciutta deve mangiarla per FORZA.
Femminilmente vostra,
p@rpra


Immagini prese da Internet

3 commenti:

  1. Carrellata sulle donne europee, tuttavia hai dimenticato la "trendy" (e patetica!) categoria delle "panterone" nel bel paese, le "milf" britanniche, le "mbab" francesi e chissa'-come-si-chiamano in Germania! Piu' tardi mettero' un post sulle donne statunitensi. Ciao!

    RispondiElimina
  2. Vanda voglio il post sulle donne americane!!! Baci 😍

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Chi lascia un commento vince un caffè!